Vademecum per proteggere lo strumento più prezioso: l'udito

News
condividi
Pubblicato il 6 febbraio 2014 alle 08:00

Consigli per chi suona e per chi ascolta. Più della metà dei musicisti adulti ha un deficit uditivo e circa il 20% della “generazione mp3” è affetto da ipoacusia. Un’orchestra olandese ha sperimentato live, durante un’iniziativa di sensibilizzazione promossa da Amplifon, l’uso delle protezioni uditive per i musicisti e per il pubblico. Gli esperti hanno stilato il “Piccolo Vademecum dei Decibel Sotto Controllo” per salvaguardare il benessere dell’udito.

Mantenere le distanze dagli strumenti più rumorosi, sottoporsi a una valutazione audiologica accurata, indossare specifici protettori acustici per musicisti. Ma anche non dimenticare - quando si ascolta musica - di regolare il volume del proprio mp3, concedersi delle pause durante un concerto di più di 2 ore, non avvicinarsi troppo agli altoparlanti. Sono le raccomandazioni del “Piccolo Vademecum dei Decibel Sotto Controllo” di Amplifon che mette in luce il legame tra la musica troppo forte o rumorosa e il rischio di provocare danni temporanei o permanenti all’udito: un disturbo allo “strumento più prezioso” può infatti pregiudicare sia la capacità di fare musica, sia quella di ascoltarla, con gravi ripercussioni anche sulla qualità di vita individuale.

Non è un caso che - secondo un ampio studio audiologico condotto in Nuova Zelanda - più della metà dei musicisti adulti abbia una qualche forma di deficit uditivo e che circa 1 adolescente su 5 sia oggi affetto da ipoacusia, con una crescita - collegabile all’uso massiccio di mp3 - del 30% solo negli ultimi 15 anni.

SCARICA DOCUMENTO

Rispetta il tuo ambiente, pensa prima di stampare

Tipologia: PDF
Dimensione: 0 MB
Condividi
pagina 1 di 34
Rimaniamo in contatto

Vuoi parlare con noi?

Scrivi una mail al nostro team

Scrivici

Vuoi rimanere aggiornato?

Basta scegliere gli argomenti che ti interessano

Iscriviti

true and true