Il cervello in ascolto - c’è un circolo vizioso tra calo di udito e declino cognitivo

News
condividi
Pubblicato il 10 maggio 2017 alle 12:00

L'ipoacusia aumenta di oltre 3 volte il rischio di demenza, che in 3 casi su 4 si accompagna a un deficit cognitivo. 

Presentato oggi a Milano il rapporto “il cervello in ascolto - lo stretto intreccio tra udito e abilità cognitive”, che mette in luce un legame bidirezionale tra calo dell’udito e demenza: due emergenze sociali che oggi colpiscono rispettivamente 360 e 47 milioni di persone in tutto il mondo. Gli esperti sottolineano l’urgenza di intervenire tempestivamente: rallentare di un solo anno l’evoluzione dell’ipoacusia può portare a una riduzione del 10% del tasso di prevalenza della demenza nella popolazione generale.

SCARICA DOCUMENTO

Rispetta il tuo ambiente, pensa prima di stampare

Tipologia: PDF
Dimensione: 0.2 MB
Condividi
pagina 19 di 34
Rimaniamo in contatto

Vuoi parlare con noi?

Scrivi una mail al nostro team

Scrivici

Vuoi rimanere aggiornato?

Basta scegliere gli argomenti che ti interessano

Iscriviti

true and true