Salta al contenuto

Strategia e aspirazione

Un programma di innovazione tecnologica nella customer experience per guidare il cambiamento nel mercato retail dell'hearing care

Durante il Capital Markets Day tenutosi il 26 marzo 2018, Amplifon ha presentato i pilastri strategici e i target finanziari per il triennio 2018-2020. Nei prossimi anni, Amplifon si pone l'obiettivo di rafforzare ulteriormente la propria leadership sul mercato mondiale posizionando il Gruppo all’avanguardia nell’innovazione attraverso tre pilastri strategici.

Pilastri strategici al 2020

Gli acceleratori della nostra crescita

Rafforzare la leadership nei mercati chiave

Una strategia di crescita differenziata e focalizzata sui mercati chiave mondiali. In particolare intendiamo continuare a consolidare la nostra posizione di leadership in tutti i principali mercati maturi e, fra quelli emergenti, abbiamo individuato nel mercato cinese un’opportunità rilevante per sostenere la crescita di medio termine.

Customer experience innovativa e distintiva

Una strategia centrata sul cliente per offrire una customer experience distintiva e fortemente innovativa con il lancio sul mercato della line di prodotti a marchio Amplifon e di un proprio ecosistema multicanale, facendo leva su asset unici ed ineguagliabili quali dati, brand e un servizio impeccabile e fortemente personalizzato. Approfondisci

Capacità di implementazione

Investimenti a supporto dell’implementazione della strategia attraverso una distintiva corporate culture, l’attrazione dei migliori talenti, la condivisione delle best practice e l’estensione a livello globale dell’infrastruttura IT integrata.

Obiettivi finanziari al 2020

 

Un set chiaro e ambizioso di obiettivi finanziari per 2020: Amplifon prevede di realizzare ricavi consolidati compresi tra i 1.800 milioni di euro e 1.860 milioni di euro1, un EBITDA ricorrente compreso tra i 330 e i 345 milioni di euro2 e un flusso di cassa operativo pari a circa 260 milioni di euro.

 

La Società prevede inoltre una crescita dell’utile netto al 2020, trainato sia dalla maggiore leva operativa sia dalla continua attenzione agli oneri finanziari e al tax rate, stimato nel biennio inferiore al 30%, anche a seguito dell’applicazione dei principi contabili IFRS 15, e nonostante l’ammortamento annuo relativo all’allocazione del prezzo pagato per l'acquisizione di GAES secondo il trattamento contabile del Purchase Price Allocation.

 

Infine, il Gruppo punta a generare un flusso di cassa operativo cumulato per il biennio 2019-2020 pari a circa 480 milioni di euro. La significativa generazione di cassa consentirà di finanziare pienamente gli investimenti previsti nel periodo (pari a circa 330 milioni di euro complessivamente per capex ed acquisizioni), riducendo la leva finanziaria del Gruppo al 2020 ad un rapporto di indebitamento finanziario netto/EBITDA3 di a circa 2,2 volte.

 

1 In valuta locale e dato senza applicazione di IFRS 15 e IFRS 16

2 Dato senza applicazione del principio contabile IFRS 15 e IFRS 16

3 Il rapporto indebitamento finanziario netto/EBITDA è calcolato secondo la definizione del covenant previsto nel contratto per il finanziamento di GAES e sulla base dei principi contabili in essere al 31.12.2017